7 febbraio: la Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo

Conosci l’origine della parola bullo? Pensa che deriva da un termine di un’antica lingua germanica e significava ‘amico intimo, fratello’. Quindi era una parola positiva, di pace e solidarietà. Nel tempo, però, come càpita spesso nell’evoluzione delle lingue, questo termine ha cambiato significato, arrivando addirittura al suo opposto.

Oggi parliamo di bullismo traducendo in italiano la parola inglese bullying che indica “il comportarsi con prepotenza, maltrattare, intimidire”.

Di più: il bullismo è un comportamento aggressivo che si ripete nel tempo nei confronti sempre di una stessa persona che non è in grado di difendersi.

Chi fa il bullo o la bulla (sì, ci sono anche ragazze che si comportano da bulle!) può essere violento fisicamente oppure con le parole. Sceglie la sua vittima tra le persone più miti e timide, perché pensa che non si ribellerà.  

Il suo, però, non è un comportamento solitario: ha infatti bisogno di un pubblico che, dopo aver riso e applaudito, racconti in giro la scenetta a cui ha assistito, amplificandone così l’effetto.

A volte c’è chi fa finta di non vedere o magari minimizza: “Ma dai, è uno scherzo! Era solo una piccola spinta! Non è il caso di offendersi per una parola!” Ma non è certo così: la vittima di bullismo vive una sofferenza che può avere gravi conseguenze nei suoi rapporti sociali e per la sua vita futura.

Il cyberbullismo

Attraverso Internet, gli smartphone e i social media il bullismo si è trasformato anche in cyberbullismo.

I cyberbulli agiscono online: usano le mail, le chat, i social per diffondere pettegolezzi e offese, per postare video, insultare, deridere e rivolgere anche minacce. Attraverso Internet la vittima è sempre raggiungibile e i messaggi o video offensivi restano in rete per molto tempo, visibili da chiunque, in ogni orario e in ogni luogo.

Mentre i bulli sono riconoscibili, i cyberbulli si nascondono dietro a un nickname e può essere molto difficile dare loro un’identità reale. Purtroppo chi è vittima dei cyberbulli non si sente mai al sicuro, neppure a casa propria!

Una Giornata per combattere ogni forma di bullismo

Dal 2017 ogni 7 febbraio si celebra la Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo per dire “NO” a ogni forma di prepotenza.

Non è un caso che l’iniziativa sia partita dal Ministero che si occupa di scuola e di educazione. La scuola è, infatti, il luogo dove impariamo a convivere con le persone apprezzandone le diversità, rispettandone i punti di vista e le opinioni. Eppure proprio a scuola si verificano molti fenomeni di bullismo che colpiscono bambini e bambine, ragazzi e ragazze.

Il simbolo della giornata è un nodo blu, che ci aiuta a ricordare che dobbiamo essere tutte e tutti uniti a occuparci di questo fenomeno, per impedire gli atti che possono ferire le persone che ci stanno vicino.

Che cosa possiamo fare noi?

I nostri comportamenti sono molto importanti: noi possiamo fare davvero la differenza. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Nel tuo gruppo non partecipare ad atti di bullismo, nemmeno come semplice spettatore.
  • Anzi: se in qualche modo vieni a conoscenza di un atto di bullismo o di cyberbullismo parlane subito ai tuoi familiari o agli insegnanti.
  • Se sei tu la vittima non pensare di aver fatto qualcosa di sbagliato. Confidati invece subito con un adulto.
  • Chiedi ai tuoi insegnanti di invitare a scuola un esperto a parlare di questo problema, anche per capire come affrontare le varie situazioni.
  • Rifletti e confrontati con i tuoi prima di scrivere o pubblicare qualsiasi cosa sui social o nelle chat.
  • In rete non condividere mai le tue password e i tuoi dati personali.
  • Se ricevi un video o un messaggio che ti turba, parlane subito con la tua famiglia o con un insegnante. 
  • Se vedi un messaggio minaccioso spegni subito il computer, il tablet o lo smartphone, ma non cancellare eventuali tracce: possono servire a un adulto per rintracciare e fermare il bullo.

In questo post puoi trovare il calendario con alcune giornate speciali, molto interessanti da celebrare.

La gentilezza è “circolare”?

In occasione della Giornata della Gentilezza proponiamo una semplice attività che possa far riflettere i ragazzi e le ragazze sul valore di questa qualità/atteggiamento.
Il percorso inizia con la visione di una filmato e si sviluppa con un lavoro collettivo.
Il percorso non richiede più di un’ora di tempo e può essere inserito nell’ambito dell’Educazione Civica, mantenendo un carattere di interdisciplinarietà. Può essere proposto anche in una modalità “a distanza”

Gentilezza = …

Prima di tutto, chiedete ai ragazzi e alle ragazze di definire il significato della parola gentilezza, riportando le osservazioni su una mappa tipo brainstorming. Provate a vietare l’uso dell’aggettivo “gentile”, stimolando così una ricerca lessicale.

Poi proponete la visione del seguente video
https://video.link/w/zZxyb

Al termine aprite un breve dibattito partendo da due semplici domande:

La gentilezza può essere circolare?

Sulla base del filmato visto è corretto pensare alla gentilezza come un qualcosa di “circolare” e cosa significa. Potrebbe accadere veramente?

Richiesta o gentilezza?

Invitate gli alunni a riflettere su quante richieste vengono fatte loro ogni giorno (non si risparmieranno), stabilite insieme su quale focalizzarsi. (es. riordinare la stanza, aiutare la mamma, giocare tranquilli…).
Sono solo richieste? Stimoliamo i ragazzi e le ragazze a riflettere sul perchè vengono fatte loro e proviamo a chiedere se possono essere viste anche come piccole gentilezze che potrebbero rivolgere ai loro cari o ai loro amici.

Come attività finale, per fissare i contenuti più importanti di tutto il confronto, chiedete di scrivere una loro riflessione.
Rileggete insieme questi pensieri per mettere in evidenza le parole chiave che potrete utilizzare per scrivere un vocabolario della gentilezza, magari anche in inglese.

Esempio di breve vocabolario della gentilezza scritto dai bambini e le bambine di una classe 2°

The collaboration’s day

Al termine dell’attività potete proporre alla classe di istituire “La giornata della colaborazione” o “The collaboration’s day”.
Chiedete ai ragazzi e alle ragazze di pensare a chi rivolgere, in quella giornata, la loro collaborazione. A un compagno/a? In famiglia? A qualcun altro a scuola? Possono scegliere tra le persone care, o anche tra quelle che si conoscono appena, ma a cui un semplice gesto di gentilezza potrebbe fare bene.

Fate scrivere su un foglietto in che modo intendono collaborare con loro, facendo riflettere sul fatto che debba essere un proposito veramente realizzabile.

Invitate i ragazzi e le ragazze a consegnare il loro biglietto alla persona interessata e ricordate che dovranno essere fedeli a quanto hanno scritto.

Il giorno dopo invitate alla rilfessione:

Sono riusciti a mettere in partica le loro intenzioni collaborative?
Quale effetto hanno ottenuto?

Forse potranno verificare la circolarità della gentilezza.