La gentilezza è “circolare”?

In occasione della Giornata della Gentilezza proponiamo una semplice attività che possa far riflettere i ragazzi e le ragazze sul valore di questa qualità/atteggiamento.
Il percorso inizia con la visione di una filmato e si sviluppa con un lavoro collettivo.
Il percorso non richiede più di un’ora di tempo e può essere inserito nell’ambito dell’Educazione Civica, mantenendo un carattere di interdisciplinarietà. Può essere proposto anche in una modalità “a distanza”

Gentilezza = …

Prima di tutto, chiedete ai ragazzi e alle ragazze di definire il significato della parola gentilezza, riportando le osservazioni su una mappa tipo brainstorming. Provate a vietare l’uso dell’aggettivo “gentile”, stimolando così una ricerca lessicale.

Poi proponete la visione del seguente video
https://video.link/w/zZxyb

Al termine aprite un breve dibattito partendo da due semplici domande:

La gentilezza può essere circolare?

Sulla base del filmato visto è corretto pensare alla gentilezza come un qualcosa di “circolare” e cosa significa. Potrebbe accadere veramente?

Richiesta o gentilezza?

Invitate gli alunni a riflettere su quante richieste vengono fatte loro ogni giorno (non si risparmieranno), stabilite insieme su quale focalizzarsi. (es. riordinare la stanza, aiutare la mamma, giocare tranquilli…).
Sono solo richieste? Stimoliamo i ragazzi e le ragazze a riflettere sul perchè vengono fatte loro e proviamo a chiedere se possono essere viste anche come piccole gentilezze che potrebbero rivolgere ai loro cari o ai loro amici.

Come attività finale, per fissare i contenuti più importanti di tutto il confronto, chiedete di scrivere una loro riflessione.
Rileggete insieme questi pensieri per mettere in evidenza le parole chiave che potrete utilizzare per scrivere un vocabolario della gentilezza, magari anche in inglese.

Esempio di breve vocabolario della gentilezza scritto dai bambini e le bambine di una classe 2°

The collaboration’s day

Al termine dell’attività potete proporre alla classe di istituire “La giornata della colaborazione” o “The collaboration’s day”.
Chiedete ai ragazzi e alle ragazze di pensare a chi rivolgere, in quella giornata, la loro collaborazione. A un compagno/a? In famiglia? A qualcun altro a scuola? Possono scegliere tra le persone care, o anche tra quelle che si conoscono appena, ma a cui un semplice gesto di gentilezza potrebbe fare bene.

Fate scrivere su un foglietto in che modo intendono collaborare con loro, facendo riflettere sul fatto che debba essere un proposito veramente realizzabile.

Invitate i ragazzi e le ragazze a consegnare il loro biglietto alla persona interessata e ricordate che dovranno essere fedeli a quanto hanno scritto.

Il giorno dopo invitate alla rilfessione:

Sono riusciti a mettere in partica le loro intenzioni collaborative?
Quale effetto hanno ottenuto?

Forse potranno verificare la circolarità della gentilezza.

Il 2 giugno, Festa della Repubblica, spiegato ai bambini e alle bambine

In Italia, il 2 giugno di ogni anno è la Festa della Repubblica. Questa data ricorda un avvenimento molto importante della nostra Storia.

Il 2 giugno 1946, infatti, si svolse un referendum nel quale si chiese agli italiani:

Volete che la forma di governo del nostro Paese sia la monarchia o la repubblica? Se voterete Monarchia, il Capo dello Stato continuerà a essere un re e sarà lui a dare l’incarico al capo del governo; la carica del re sarà ereditaria di padre in figlio, o comunque sempre di un membro della famiglia regnante. Se invece voterete Repubblica, sarà il Parlamento italiano a eleggere di volta in volta un Presidente che diventerà il Capo dello Stato e che sarà, in patria e all’estero, il legittimo rappresentante del nostro Paese.

In quel referendum gli italiani scelsero la Repubblica.

Questo risultato rappresentò anche un giudizio sul comportamento del re Vittorio Emanuele III di Savoia, che nel 1922 aveva favorito il fascismo e nel 1943 aveva abbandonato la capitale Roma nel momento del pericolo quando, durante la Seconda Guerra Mondiale, l’Italia firmò un armistizio, cioè un primo accordo di pace con le potenze nemiche.

Il 2 giugno del 1946 nei seggi si consegnò anche un’altra scheda elettorale: quella per l’elezione dei deputati (appartenenti ai diversi partiti politici) dell’Assemblea Costituente, a cui sarebbe stato affidato il compito di scrivere la nostra Costituzione.

La votazione del 2 giugno fu molto importante anche per una terza ragione. Infatti, per la prima volta nella Storia del nostro Paese, votarono anche le donne. Fu il primo vero suffragio universale, perché finalmente potevano votare tutte le persone maggiorenni (allora si diventava maggiorenni a 21 anni, però) del popolo italiano, uomini e donne insieme.

Ricordiamo che la data del 2 giugno non fu scelta a caso: in quel giorno cadeva l’anniversario della morte di Giuseppe Garibaldi, uno dei principali protagonisti del Risorgimento, il periodo storico che portò nel 1861 all’Unità d’Italia.

Ti è rimasta la curiosità di sapere chi è la ragazza della foto di copertina? In effetti è una foto molto famosa, che è nata quasi per caso, ma è diventata il simbolo della fondazione della Repubblica e della rinascita dell’Italia. Il fotografo che l’ha scattata era Federico Patellani e la ragazza sorridente era una giovane di Milano, Anna Iberti, che allora aveva 24 anni e voleva fare la giornalista.

Rispondi

  • Chi è oggi il Presidente della Repubblica italiana?
  • A quanti anni oggi si raggiunge la maggiore età?
  • Ricordi altre date/anniversario importanti per la Storia del nostro Paese?
  • Ne ricordi altre che condividiamo con altri Paesi?

Per approfondire

Se vuoi saperne di più sull’uguaglianza tra uomini e donne, anche nella vita politica, puoi leggere questo post sull’Obiettivo 5 dell’Agenda 2030, sulla parità di genere.

Questi post riguardano invece altre ricorrenze importanti:

Altri link a giornate speciali potete trovarli in questo calendario delle principali Giornate Mondiali e ricorrenze nazionali.

Questo post invece vi racconta del libro Questo è un giorno speciale, Mondadori, dove si parla di venti giornate importanti da ricordare.

Il Primo Maggio spiegato ai bambini e alle bambine

La giornata del Primo Maggio è festeggiata in moltissimi Paesi del pianeta come la Festa del Lavoro. E’ nata infatti come momento di lotta dei lavoratori di tutto il mondo per affermare i propri diritti e per migliorare la propria situazione economica e sociale.

Nel XIX secolo le condizioni di vita della maggior parte dei lavoratori erano infatti molto difficili.

  • Si lavorava dall’alba al tramonto, per sfruttare tutte le ore di luce.
  • Non c’erano ferie, né periodi di sosta, se non le domeniche e le feste religiose.
  • Non c’erano protezioni per i lavori pericolosi.
  • Nessuno aveva diritto a un salario in caso di malattia, ma quasi sempre, se malati,  si veniva licenziati.
  • Non esisteva la pensione e si continuava a lavorare anche da anziani, finché si poteva.
  • Lavoravano anche i bambini.

Nel 1855, in Australia, si cominciò a proclamare:

Otto ore per lavorare, otto ore per vivere, otto ore per dormire.

Questa parola d’ordine girò tra tutti  lavoratori australiani, ma arrivò presto anche negli altri continenti. Voleva dire che, nella giornata di 24 ore, ogni persona aveva sì il dovere di lavorare, ma anche il diritto al riposo e al tempo per stare con la sua famiglia, per leggere, per studiare e anche per divertirsi.

Nel 1866, a Ginevra (Svizzera), nel congresso dell’Associazione internazionale dei lavoratori, chiamato Prima Internazionale, nacque una proposta:  tutti i governi avrebbero dovuto stabilire le otto ore come massimo per la giornata lavorativa.

Il primo che accolse questa proposta fu l’Illinois, uno dei 50 Stati degli  Stati Uniti d’America. La sua capitale, Chicago, era allora una delle più importanti città industriali del mondo. Lo Stato dell’Illinois creò così una legge su questo argomento. Il Primo Maggio del 1867 migliaia e migliaia di lavoratori scesero in strada a Chicago per imporre ai padroni delle fabbriche di applicare questa legge. Ma ci furono degli scontri, e nei giorni successivi alcune persone furono uccise.

Così, un po’ di anni dopo, nel 1889 a Parigi (Francia), quando i lavoratori si riunirono nella Seconda Internazionale decisero che proprio il Primo Maggio di ogni anno, in tutto il mondo, nessuno avrebbe lavorato. Ogni operaio, contadino e impiegato, donna o uomo, vecchio o giovane, tutti insomma, avrebbero invece manifestato per i propri diritti e la propria autonomia e indipendenza.

Da allora, il Primo Maggio è stato sempre considerata la Festa del Lavoro in tutti i Paesi, senza confini geografici e senza differenze tra vari tipi di occupazione. Si manifesta ancora per i propri diritti, insieme ai sindacati, ma si passa anche una bella giornata di primavera con la famiglia e con gli amici.

Rifletti

1. Secondo te perchè è importante la Festa del lavoro? Scegli la risposta corretta.

  • Perchè è un giorno di vacanza
  • Perchè ricorda che è importante che tutti abbiano un lavoro alle giuste condizioni

2. Tra qualche anno anche tu entrerai nel mondo del lavoro. Qual è il lavoro dei tuoi sogni? ……………………………………………………………………………………………..

3. Secondo te, potrà anche essere un lavoro che oggi non esiste? ………………. Perchè? …………………………………………………………………………………………………………

_________________________________________________________________

L’immagine di copertina è il Quarto Stato, un famoso quadro del pittore italiano Giuseppe Pellizza da Volpedo, dipinto nel 1901. E’ un’opera di grandissime dimensioni  (misura quasi tre mesi in altezza per quasi sei in larghezza) ed è conservato al Museo del Novecento, a Milano.  Quarto stato è una definizione storica che rappresenta l’insieme dei lavoratori.

In questo post una scheda per il lavoro in classe sul Primo Maggio.

In questo post potete leggere un post sul 2 giugno, Festa della Repubblica.

Questo post invece vi parla dell’Obiettivo 8 dell’Agenda 2030: garantire un lavoro dignitoso e sostenibile.